L’EDERA DELLE ORE NORMALI

L’edera delle ore normali

ha infestato i glicini della poesia

Ricopre i pergolati del batticuore

gli spalti assolati dei languori, delle ansie

Gli spazi,

un tempo riservati alle calamite dei corpi,

fioriscono di incontri spontanei,

di macchie di parole e di note della spesa.

Potrebbe sembrare il tramonto,

invece, è proprio nello scorrere quotidiano

che la nostra storia si esalta, riluce.

Ogni istante, i minuti, le ore.

I giorni, l’infinita parabola del tempo.

Ti amo nel tintinnare di ogni secondo,

come se ogni momento fosse goccia

e, sopra di noi, un temporale.

Ti sfioro e mi sembra di stringerti

Ti annuso e lo scambio per un bacio

Hai confuso i miei sensi e li hai scardinati.

Scombinati. Trasformati.

Non mi stanco mai di vederti, di parlarti.

Di prenderti e di pensarti.

E, come vuoi tu, aggiungerò una rima:

Ti amo, anche se so che sarà una storia perdente,

stasera ho giurato fedeltà e tu non hai risposto niente.


Notice: compact(): Undefined variable: limits in /home/uq2go8z4/diario-di-bordo.com/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 860

Notice: compact(): Undefined variable: groupby in /home/uq2go8z4/diario-di-bordo.com/wp-includes/class-wp-comment-query.php on line 860

Iscrizione

Iscriviti per ricevere un’email quando pubblico un nuovo post

Commenta